NOVITÁ VIA EMAIL 
SOSTIENI IL CENTRO 
CONTATTI 
Crescita Personale e Formazione Spirituale verso la Realizzazione del SÈ
NOVITÁ: Prendi il Governo della tua mente ~ Armonizza il Pensiero con i tuoi obiettivi
Micat·in·Vertice
Il Blog del Centro MareNectaris
MareNectaris ~ Intento·Energia·Presenza

Sciogliere l’autogiudizio distruttore di sé


Pubblicato in data 29/07/2023
Ascolta il podcast del documento
Ascolta il Podcast del documento 
Resta in aggiornamento con la nostra newsletter
Resta in aggiornamento

Ascolta il podcast del documento

Sciogliere autogiudizio distruttore di sé

Sciogliere l’autogiudizio distruttore rivolto verso sè stessi è un fondamentale passo di Purificazione della propria interiorità. E’ una pratica spirituale di grandissima importanza nella Crescita Personale e Spirituale di un Individuo.

Tutti gli esseri umani giudicano continuamente sè stessi, autoinfliggendosi sentenze crudeli e implacabili che li condannano ad una sofferenza senza fine. Gli esseri umani naturali ci sono dentro fino al collo, e non ne sanno nulla, perchè senza Consapevolezza un essere umano non è niente, e non sa niente. Ma anche una infinita quantità di Viaggiatori Spirituali continua per anni a stare dentro autogiudizi distruttori di sè, pur diventando sempre più consapevoli della sofferenza che questo processo infonde nella loro interiorità.

Spiritualità, per chi ancora nutrisse qualche dubbio su che cosa sia, significa procedere verso la fine della sofferenza. Il Maestro Buddha Shakyamuni è stato molto chiaro su questo; quindi, se dentro di te vi sono giudizi che rivolgi a te stesso che continuano a creare sofferenza emozionale, la tua mente e le tue emozioni hanno bisogno di essere purificate attraverso lo scioglimento del tuo inutile autogiudizio.

In questo documento metteremo insieme i passi operativi per disciogliere in modo disciplinato e persistente l’autogiudizio distruttore di te stesso. Passi operativi da applicare nel quotidiano in modo costante e concertato.

Il primo passo operativo di scioglimento dell’autogiudizio distruttore di sè, è riconoscere quale è il tono vibrazionale specifico della continuità di giudizio che rivolgi verso te stesso. Come ora sappiamo, esistono due toni vibrazionali polari fondamentali di questa continuità di giudizio: o tendi a comportarti come una vittima piagnucolante, o tendi a comportarti come un vanaglorioso arrogante. Per tutti i dettagli su come riconoscere quale tono vibrazionale sia prevalente nella tua interiorità, torna a rileggere il documento Il Non-Giudizio verso sè stessi.

Per riconoscere il tono vibrazionale di autogiudizio a cui ti conformi, devi osservare con Consapevolezza quali sono i contenuti prevalenti di giudizio, in forma di dialogo interiore, che si manifestano nella tua Coscienza in forma di pensieri; quali pensieri ti rivolgi abitualmente nel quotidiano quando sei alle prese con le situazioni di ogni giorno. Quando stai creando qualcosa; quando stai svolgendo un lavoro; quando stai condividendo con il mondo i frutti delle tue opere, del tuo lavoro, della tua Arte; quale è il contenuto dei pensieri che va in scena abitualmente in queste situazioni nella tua mente? Da questa Consapevolezza riconosci il tono vibrazionale fondamentale di giudizio a cui ti conformi, se vittima o vanaglorioso; e riconosci anche l’intensità di questo tono, ovvero quanta reattività e quanta sofferenza emozionale questo autogiudizio muove dentro di te.

Prima di procedere oltre, è necessario tornare a connetterci con un Principio Spirituale fondamentale insegnato e trasmesso dalla Scienza Iniziatica, che rappresenta il cardine focale di questa nostra pratica.

Qualsiasi condizione interiore di polarizzazione emotiva deve essere riportata nel punto di Equilibrio mediano attraverso l’utilizzo delle Potenze del Pensiero. Il punto di Equilibrio mediano è il luogo interiore di massimo accordo e di massima vicinanza con i Piani Spirituali Superiori.

Che cosa rappresenta il Punto di Equilibrio mediano nella tua interiorità? Il Punto di Equilibrio mediano è il luogo interiore in cui i pensieri che stai coltivando generano una sensazione ed un Sentimento di Equanimità.

EQUANIMITÀ è il sereno e calmo Stato Interiore che sorge da assenza di attaccamento, assenza di avversione, assenza di ostilità.

Ogni volta che riconduci un giudizio al Punto di Equilibrio Mediano, il giudizio si scioglie, si annichila. Sciogliendosi la polarizzazione emotiva, la sofferenza emotiva che ne è conseguenza scompare, perchè tu stai soffrendo a causa dei pensieri polarizzati che pensi nella tua mente. Un pensiero polarizzato è un pensiero bianco/nero, ragione/torto, giusto/sbagliato, vittima/vanaglorioso: quindi, più ti giudichi una vittima, più soffrirai della tua tristezza, della tua apatia; più ti giudichi un superiore vanaglorioso, più soffrirai della tua rabbia, della tua amarezza, del tuo rancore.

Il Punto di Equilibrio Mediano è il Punto di Equanimità. Le due posizioni interiori sono la stessa posizione, e sono sinonimi. Raggiungere il Punto di Equanimità rispetto ad una polarizzazione emotiva significa sciogliere la sofferenza emotiva, e condurre la mente al suo massimo livello di sanazione, qualità e performance. Un giudizio è una evidente polarizzazione emotiva: ecco quanto è importante raggiungere il Punto di Equanimità nel Cammino Spirituale di un Individuo.

Per raggiungere il Punto di Equanimità è necessario utilizzare saggiamente le Potenze del Pensiero. Perchè è attraverso il Pensiero che ti giudichi; è attraverso il Pensiero che ti infliggi continuamente sentenze di crudele condanna; è attraverso il Pensiero che produci sofferenza emozionale dentro di te. Quindi, per risolvere lo scenario devi operare nel Pensiero, e trasformare il giudizio polarizzato in PENSIERO EQUANIME.

Il secondo passo operativo di scioglimento dell’autogiudizio distruttore di sè, è quindi quello di applicare Pensiero Equanime al tuo autogiudizio prevalente, al fine di sciogliere l’autogiudizio, disciogliere la polarizzazione emotiva, e quindi la sofferenza interiore che ne deriva. Il Pensiero Equanime dipende dal tono vibrazionale personale di autogiudizio; se tendi ad essere vittima, devi applicare un Pensiero Equanime diverso da quello che utilizzeresti se tendi ad essere vanaglorioso.

In altre parole, se riconosci di tendere ad autogiudicarti come vittima, è necessario applicare Pensiero Equanime sul tuo auto-giudizio come stupido, incapace, debole, brutto, inadatto, e simili. Se riconosci di tendere ad autogiudicarti come vanaglorioso, è necessario applicare Pensiero Equanime sul tuo auto-giudizio come superiore a tutti, il migliore, il più bravo, il numero uno, e simili.

Il Pensiero Equanime si applica all’autogiudizio attraverso le Affermazioni. Specifiche Affermazioni ripetute nel Pensiero in modo costante, persistente, ogni volta che compare alla Consapevolezza un autogiudizio polarizzato, sciolgono l’autogiudizio mentale, la polarizzazione emotiva, le emozioni reattive e la sofferenza emozionale, un Atomo alla volta. Ripetere le Affermazioni in Parola pronunciata, laddove possibile, potenzia ancora di più il loro effetto disciogliente dell’autogiudizio.

Ecco una lista di tre possibili Affermazioni da ripetere nella propria mente se il proprio tono vibrazionale di autogiudizio è quello di vittima piagnucolante e pozzangherosa:

1. Io posso fare qualsiasi cosa.
Io posso riuscire.

2. Io sono perfettamente in grado di manifestare qualità di altissimo livello.
3. La qualità della mia espressione diventa
sempre migliore / sempre più potente / sempre più efficace

Ecco una lista di tre possibili Affermazioni da ripetere nella propria mente se il proprio tono vibrazionale di autogiudizio è quello di vanaglorioso arrogante, pesante e borioso:

1. Non ha alcuna importanza che io sia il più grande.
Ha importanza che io sia libero.

2. Io esprimo il mio meglio in totale Umiltà,
e poi rilascio completamente alla Vita qualsiasi risultato.

3. Più desidero essere il numero uno,
più vivo nella sofferenza di non esserlo.

Ricordiamo con Attenzione e Consapevolezza quale è l’obiettivo di questa Pratica Spirituale potente e trasformativa. La pratica dell’Esercizio Spirituale di discioglimento dell’autogiudizio distruttore di sè, in Silenzio e Persistenza, ha questi molteplici importantissimi obiettivi:

disciogliere la inutile sofferenza emozionale generata dai nostri continui falsi autogiudizi; una sofferenza autoinflitta veramente inutile;

espandere la qualità delle nostre Creazioni e della nostra Vita, smettendo di essere i primi distruttori di noi stessi;

purificare la nostra mente da pensieri polarizzati disfunzionali, inutili e inefficaci;

portare Calma, Serenità, Pace, Armonia nella nostra interiorità;

raggiungere il Punto di Equanimità;

Raggiungere il Punto di Equanimità è lo scopo più importante tra tutti, la causa da cui tutto il resto scaturisce. Il Punto di Equanimità è il Portale del Cielo Spirituale di ogni Individuo. Il Punto di Equanimità e il Portale di massima qualità di ogni gesto e di ogni Creazione.

Condividi questo contenuto su:

Nella Biblioteca di MareNectaris
La pratica della Meditazione
Il Cammino di Trasmutazione verso la Realizzazione del SÉ ~ manuale operativo completo per l'inizio e per il medio percorso
di Giulio Achilli
opera in formato libro cartaceo
In questo libro troverai tutto ciò che ti occorre per poter apprendere, strutturare e praticare in autonomia il nobile e divino strumento della Meditazione; iniziando dai primissimi passi in modo armonioso, e orientando da subito la pratica in accordo agli Insegnamenti della Scienza dello Spirito.

Nella parte teorica sono approfonditi in dettaglio tutti gli elementi fondamentali della Meditazione; come la Meditazione trasforma e armonizza la mente e le emozioni; la costruzione dell'Osservatore Interiore; la padronanza della Attenzione; il Lavoro di Trasmutazione di sè stessi attraverso la Retta Consapevolezza, il vero Cuore della Meditazione insegnato dal Maestro Buddha Shakyamuni. Conosceremo che cosa è la Meditazione, i suoi reali benefici, i tre segni dell'esistenza sofferente e separata che la Meditazione svela e purifica, gli ostacoli alla pratica lungo il Cammino e come gestirli.

Nella parte operativa è descritto nel dettaglio tutto ciò che occorre per costruire e strutturare la propria pratica di Meditazione in completa autonomia: la postura fisica da scegliere, dove praticare, per quanto Tempo, come progredire in Armonia, gli inconvenienti da conoscere e come evitarli. Sono inoltre introdotte e descritte nel dettaglio oltre 20 pratiche di Meditazione, integrate perfettamente nel percorso, che il meditante può sperimentare in completa autonomia attraverso istruzioni dettagliate per ognuna di loro.

Concentrazione
Un corso pratico con supplemento sulla Meditazione
di Ernest Wood
opera in formato libro cartaceo
La nostra mente è un meraviglioso veicolo di creazione, esplorazione e comprensione della Realtà. Questo libro di Ernest Wood introduce ed approfondisce alcuni assiomi fondamentali necessari al pieno sviluppo di questo strumento, in un percorso costituito da contenuti teorici, esercizi pratici, ed una progressiva coltivazione degli stati interiori cardinali di questa riconquista: la Concentrazione, la Meditazione e la Contemplazione.

Lo Sfidante
Chi sta usando la tua mente? ~ nuova edizione cartacea
di Giulio Achilli
opera in formato libro cartaceo
Il testo completo del film-documentario in edizione cartacea, aggiornato ed ampliato con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale. Il lettore~ricercatore troverà inoltre al suo interno una serie di Esercizi Spirituali, studiati specificamente per esplorare attraverso la propria esperienza personale gli Insegnamenti trasmessi. In più, una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori Spirituali nel corso del tempo.

As a man thinketh
La padronanza del Pensiero verso la Realizzazione dei propri Ideali
di James Allen
opera in formato libro PDF, eBook, audiolibro
Un libro scritto da James Allen nel 1902, sempre profondo, sempre attuale, sempre vivo. «Come un uomo pensa nel suo cuore, così egli è»: attraverso queste parole, l'autore ci conduce in un profondo e intenso viaggio di scoperta e comprensione, nel quale diverremo consapevoli che le Potenze del nostro Pensiero sono in grado di influenzare e plasmare la Realtà che sperimentiamo.

Navigare nell'Oceano del Ch'i
Un esercizio di rilassamento cosciente dall'antica saggezza taoista
di Giulio Achilli
opera in formato libro PDF
Uno dei fondamenti che troviamo nelle pratiche di ogni tradizione di Crescita Personale è il Rilassamento: la costante ed incessante focalizzazione sulla rimozione delle tensioni inutili che serpeggiano nel nostro organismo vivente. Navigare nell'Oceano del C'hi è un esercizio di Rilassamento Cosciente di semplicissima esecuzione, in accordo alla millenaria tradizione taoista.



Disclaimer

- Privacy policy

- Cookie policy

- info AT marenectaris DOT net