Tira un vento freddo, qui fuori

documento pubblicato nella categoria Lavoro Interiore.
Le condivisioni sono disabilitate. Puoi fare un trackback dal tuo sito.

State a casa, al calduccio, forse è meglio. Infradiciate pure il vostro corpo di birra, grasso e televisione ogni giorno, tutti i giorni. Forse non c’è davvero problema. Forse vi terrete lontani dal maglio dell’orrore, è andrà bene così. Davvero, tutto andrà esattamente come deve andare. Chiudete la finestra che affaccia dentro di voi, e uscite dalla porta, a respirare il vento delle possibilità, a gettarvi nel calore di menzogna delle mille luci della bella Frisco.

Perchè tira un vento freddo, qui fuori.

L’Infinito tende trappole, non incoraggia baldanzosi esseri umani. Non Gli è necessario. Ti mostra una grande e remota possibilità velata, così che tu possa gettarti a capofitto per rincorrerla, solo per capire dopo, molto dopo, che la Grande Trappola è scattata. Costruire è fatica, qui fuori. Millimetro dopo millimetro, partendo da una condizione pressochè zero, come essere sdraiati nel fango ed improvvisamente aprire gli occhi.

E non si torna più indietro. Non si può tornare indietro. Non è permesso, non è possibile, non può essere nemmeno considerata possibilità. Se avete varcato la Prima Soglia, che l’abbiate fatto da svegli oppure no, non si può più tornare al mondo ordinario.

Tira un vento freddo, qui fuori. Quando il Sole dirada le nubi, e pian piano esce alla vista ciò che era velato, non resta che l’accettazione. Non resta che la pazienza. Non resta che costruire tutto di nuovo, da zero, con un Inflessibile Intento. Non si può più usare come uno scudo di protezione il calcio in TV, i rapporti sessuali frenetici o regolari, la frequentazione di esseri umani che vivono beati tra le nebbie, un rapporto di compensazione con un compagno sonnambulo, o una qualsiasi altra droga sonnambolica ordinaria, che sia cocaina o passeggiare. Non c’è più alcuna protezione possibile dagli insegnamenti potenti, sereni e veri del Silenzio Interiore. Del resto, proteggersi diviene via via più futile. Non ha senso. Proteggersi dalla Verità è solo follia, e non impedirà alla Verità di raggiungervi comunque.

Certo, questo non significa che non si possano vedere partite di calcio in TV, frequentare amici, o che il vostro compagno o compagna diventino improvvisamente qualcosa da abbandonare. Questo significa che il Silenzio Interiore vi mostrerà tutto senza alcuna pietà. Vi dirà perchè avete acconsentito a farvi ipnotizzare con il calcio, o perchè avete scelto quel particolare essere umano, e che cosa gli permettete di farvi essere. E’ il Silenzio Interiore che vi dirà che cosa davvero rappresentano per voi i vostri amici, e che cosa permettete ad essi di farvi vivere. Ed è questo che alza il vento freddo. E’ questo che smantella senza pietà qualsiasi bugiarda protezione di ovatta. E’ la comprensione che stermina, quieta furia senza tregua.

Non giocate con l’Infinito. Fate attenzione. Perchè prima di entrare nel luogo che di diritto meritate di essere e di vivere, si passa dal deserto di Moab. Ed è lasciar cadere, abbandonare, purificare, ripulire, accettare. E’ pazienza e fede. E’ Inflessibile Intento e meraviglia.

Non giocate con l’Infinito, perchè superata la Prima Soglia, poi non c’è più ritorno. E prima di capire che questo è una meravigliosa fortuna, potreste passare dei momenti non propriamente di serenità. E’ come quando i vostri cari, chiunque siano, vi punivano a vent’anni, e voi vi sentivate furiosi, delusi, offesi, indegni di tale trattamento. E’ a trenta anni, o quando cominciate sul serio a comprare il sale, che vi rendete conto davvero di che cosa stava accadendo. E’ a trenta anni che piangerete per tutto il bene che avete ricevuto senza aver mai pensato nemmeno per un attimo di ricambiare, anche solo con un grazie.

Tira un vento freddo, qui fuori. Eppure, ogni millimetro che avanzo io ringrazio il Signore Infinito Onnipotente, che sia benedetto il Suo nome in ogni sua Emanazione, per tutta la meraviglia che il viaggio mi sta donando. Per tutto ciò che mi aspetta. Per tutto ciò che ho visto. Per la perfezione meravigliosa di ogni Sua creazione, che così spesso riempie di lacrime i miei occhi.

Io ringrazio il Signore Infinito Onnipotente anche per questo vento freddo. Il suo soffiare non è forse la tenue compagnia che sta rischiarando sempre più il mio orizzonte ?

 
Il nostro meraviglioso Universo si dispiega maestoso in accordo ad una serie di Leggi Fondamentali.

Tra di esse, ne esiste una che definisce con magnifica semplicità quale tipo di Energia un corpo è in grado di assorbire dall'Universo in un qualsiasi istante t della sua esistenza. Il modello energetico che sottende questa Legge è molto semplice; ma le sue implicazioni sono così vaste, così importanti in tutti gli ambiti della nostra esistenza e del nostro personale Cammino, da meritare una attenta e profonda esplorazione: perchè l'operato di questa Legge è il maggior fattore determinante di ciò che accade, e accadrà, nella nostra Vita nella sua più completa totalità.

Questa Legge è conosciuta dalle Tradizioni Esoteriche con il nome di Legge di Risonanza.
Virtù Superiori è un libro in cui 36 Discipline di Potere, 36 attitudini interiori, si uniscono in forza coesiva per accordarsi ad uno scopo supremo, alla più grande e più straordinaria delle nostre possibilità: ritornare in Coscienza all'Essenza Interiore Reale che noi siamo veramente nelle nostre meravigliose profondità interiori. Ritornare in Coscienza al Sè Divino che noi siamo in Verità.
La Via del Ritorno al Sé Divino è un percorso di Crescita Personale che si muove in parallelo su differenti aspetti della struttura interiore di un essere umano. Uno di questi aspetti è la costruzione ed il radicamento di stati psicologici ben precisi, strutture emozionali di sapere, in grado di permettere ad un essere umano di reggere l'impatto che deriva dalla sua ascensione progressiva.
Queste strutture emozionali di sapere sono le Discipline personali contenute in questo libro. Il loro scopo è generare e liberare Energia di Coscienza, ovvero Energia necessaria ad alimentare e sostenere il viaggio di Ritorno al Sé Divino. Questo è il primo ed il più importante motivo per il quale esse sono state concepite, e vengono trasversalmente tramandate.
 
Ogni essere umano che appare in vita sul nostro meraviglioso pianeta Terra ha diritto ad una vita piena, felice, intensa, che gli permetta di esprimersi nella sua unicità irripetibile, che gli porti il dono della Saggezza, e che gli permetta di contribuire fattivamente al miglioramento delle condizioni di vita dell'intera comunità umana.
Questo diritto, questo naturale retaggio ad una vita maestosa, gli è stato offuscato.
Ma da che cosa? Che cosa si frappone tra noi e la vita che desideriamo, i sogni che vogliamo realizzare, la pace che desideriamo raggiungere?