MICAT·IN·VERTICE
il web journal del Centro MareNectaris
La Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri
Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.

La Ruota del Samsara

La Ruota del SamsaraL’esistenza umana è fondamentalmente costituita da due tipologie di avvenimenti fondamentali.

In realtà, esiste soltanto una tipologia fondamentale di avvenimento. Ma in questo contesto, per comodità di immediata comprensione, divideremo questa unica tipologia in due costituenti fondamentali.

La prima tipologia di avvenimento è quella che possiamo chiamare un Crocevia Animico. Un Crocevia Animico è una circostanza che sperimentiamo nella nostra Vita che è stata stabilita per noi da dover essere attraversata: perchè essa rientra nello scenario delle lezioni fondamentali che siamo venuti ad imparare in questo Campo di Lavoro che è la Vita su questa Terra meravigliosa.

…continua a leggere…

Nella Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.
Virtù Superiori
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

36 Discipline per la costruzione di un'Anima
Virtù Superiori è un libro in cui 36 Discipline di Potere, 36 attitudini interiori, si uniscono in forza coesiva per accordarsi ad uno scopo supremo, alla più grande e più straordinaria delle nostre possibilità: ritornare in Coscienza all'Essenza Interiore Reale che noi siamo veramente nelle nostre meravigliose profondità interiori. Ritornare in Coscienza al Sè Divino che noi siamo in Verità.
Concentrazione
di Ernest Wood
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Un percorso verso la Meditazione - corso pratico con supplemento sulla Meditazione
La nostra mente è un meraviglioso veicolo di creazione, esplorazione e comprensione della Realtà.
Questo libro di Ernest Wood introduce ed approfondisce alcuni assiomi fondamentali necessari al pieno sviluppo di questo strumento, in un percorso costituito da contenuti teorici, esercizi pratici, ed una progressiva coltivazione degli stati interiori cardinali di questa riconquista: la Concentrazione, la Meditazione e la Contemplazione.
La Legge di Risonanza
Vai alla pagina ufficiale dell'opera

IO·SONO·ORIGINE - il sito ufficiale del film-documentario
Nell'insieme delle Leggi Fondamentali, ne esiste una che definisce con magnifica semplicità i modelli con cui la Realtà viene creata e manifestata. Questa Legge è una Emanazione di profonda Giustizia, ed è il maggior fattore determinante di ciò che accade, e accadrà, nella nostra Vita nella sua più completa totalità. Questa Legge è conosciuta dalle Tradizioni Esoteriche con il nome di Legge di Risonanza.
La Disciplina del Diario
di Giulio Achilli

Vai alla pagina ufficiale dell'opera

Uno strumento fondamentale nella comprensione di noi stessi e del nostro Sogno Personale
Il nostro Diario, se tenuto nel modo opportuno, diviene un autentico faro di Luce gettato sulla nostra struttura psicologica, e ausilio fondamentale nella comprensione di ciò che siamo diventati e nella costruzione del nostro Grande Sogno Personale. In questo ebook vengono descritte alcune indicazioni su come rendere il nostro Diario un alleato fondamentale della nostra Crescita Personale.

Volontà, Selezione, Concentrazione – parte IV

Eccoci all’ultima parte dell’approfondimento dell’Esercizio di Lavoro Interiore sul Veicolo Mentale che stiamo esaminando insieme, estratto ed esaminato in profondità dal libro Concentrazione, di Ernest Wood. Come sempre, facciamo un breve sunto dei passi precedenti, con il collegamento ai documenti di approfondimento di ciascun passo.

Osservazione, il PASSO·1: mettere sotto Osservazione la mente, che da sè stessa, per questa Osservazione, si quieta. Per approfondire leggi qui.

Potere di Selezione, il PASSO·2: mentre siamo in Osservazione della mente, esercitiamo la facoltà di selezionare deliberatamente, all’interno del flusso dei pensieri, un pensiero preciso, quello scelto da noi. Per approfondire leggi qui.

Intento, il PASSO•3: continuando a selezionare deliberatamente ogni singolo pensiero che vogliamo permanga alla nostra Attenzione, divenire sempre più coscienti che ogni nostra selezione origina da Intento. Per approfondire leggi qui.

Il PASSO•4 di questo esercizio è la naturale conseguenza, il naturale fiorire di questo Esercizio di Lavoro, che sebbene sembri apparentemente semplice, semplice a tal punto da essere archiviato dalla Mente di Superficie come inutile – perchè lei sì, lei sì che già sa – è un Esercizio potentissimo. Che ha uno dei suoi scopi, per chi avrà la Forza di coltivarlo, nel raccogliere le Ispirazioni e le Intuizioni dei Mondi Superiori in relazione ad un tema preciso scelto da noi.

…continua a leggere…

 

Volontà, Selezione, Concentrazione – parte I

Che cosa succede nella nostra mente nell’ordinario fluire della Vita quotidiana?

Il flusso dei pensieri ordinari è paragonabile, con efficace metafora, ad una macchina che porta a spasso a caso un Guidatore che dorme. Supponendo che una macchina fisica possegga l’abilità di condurre sè stessa in modo relativamente privo di pericoli, tale è il meccanismo che si innesca nella nostra Mente di Superficie. Non è che il Guidatore non c’è, non è così e non potrà mai esserlo; semplicemente, Egli dorme. E la macchina lo porta dove le pare a lei.

Il Pensiero è lo strumento con il quale un essere umano crea Immagini di Realtà che immediatamente tendono a scendere verso la Manifestazione fisica, come un precipitato alchemico; a questo scopo questo strumento gli è stato donato, e per questo scopo andrebbe usato. Ma affinchè questo accada in modo deliberato, è necessario che al volante della macchina si segga il Guidatore, conservando la metafora introdotta in precedenza. Se il Guidatore dorme, la macchina va semplicemente dove è stata abituata/condizionata ad andare per anni, persino per decenni: manifestando in conseguenza quella Realtà disegnata allo stesso modo per anni, persino per decenni. Ma da chi?

Una volta che ha compreso la disfunzionalità di questo meccanismo, un essere umano che è interessato alla propria Crescita Personale non può permettersi di lasciarlo proseguire in questo modo: perchè altrimenti la sua Realtà materiale resterà sempre inchiodata allo stesso immutabile schema, come quelle persone che vanno in vacanza per decenni nello stesso posto, e poi si lamentano continuamente della barba di andare sempre nello stesso posto. La Realtà di un essere umano è manifestazione degli schemi di Pensiero che alimenta in modo prevalente: per questo la Vita è il mio Specchio, e per questo infrangere lo Specchio non serve a nulla.

…continua a leggere…

 

Esplorare la Concentrazione

Come tutti i fondamenti trasmessi dalla Tradizione, Concentrazione è un segnale stradale, che dovrebbe essere utilizzato per procedere verso una direzione di Azione Conforme che verifichi la bontà e l’affidabilità del segnale.

Ma come tutte le parole, Concentrazione assume – almeno inizialmente – un significato differente per ogni essere umano che la esamina. Una parola non è una esperienza: ma gli esseri umani, nel loro funzionamento ordinario, credono che sia così. Ad ogni parola viene associata una serie di etichette, in un reticolo costruito dalle nostre associazioni neuronali su di essa; e da lì, emergiamo con un significato, che ovviamente non coincide quasi mai con le etichette che un altro nostro compagno ha assegnato alla stessa parola. Questo è il motivo per cui ordinariamente due persone parlano di una parola, ma non si accorgono di stare parlando di due cose completamente differenti.

Ognuno di noi ha costruito una serie di associazioni neuronali, basate sulle fonti più disparate, in relazione alla parola Concentrazione. C’è chi le assegna un significato di sforzo da evitare; chi ne trae l’immagine di una persona in atteggiamento profondamente riflessivo e distaccato; chi la considera una perdita di tempo, perchè vive di emozioni. Se partiamo da queste associazioni, la comprensione diventa impossibile, perchè due o più esseri umani possono comprendersi solo e soltanto se condividono un accordo di Risonanza su ciò che stanno comunicando.

Un accordo di Risonanza su un qualsiasi concetto non si costruisce con il telegiornale, o per sentito dire, ma con una serie di esperienze condivise in Azione, che portino dolcemente le persone, nella loro diversità, nella direzione del medesimo segnale stradale. L’importanza della Concentrazione nel tessuto vivente di un Viaggiatore è tale da richiedere la creazione di un accordo di Risonanza che le è specifico; e per questo, ne esploriamo qui alcuni aspetti, aiutandoci con alcuni elementi estratti dal saggio Concentrazione, di Ernest Wood, appena pubblicato nella Biblioteca di MareNectaris.

…continua a leggere…

 

Dha(r)ma, il controllo dell’Azione

Shama è il controllo del Pensiero. L’Apprendista impara progressivamente a governare le Forze del suo Pensiero attraverso il suo Intento: e dunque, impara a pensare ciò che vuole pensare, e a smettere di pensare quando non occorre.

Questo, chiaramente, non significa come molti credono erroneamente diventare un vegetale del non-pensiero; significa l’esatto opposto. Significa dare alle Forze del Pensiero una tale chiarezza e una tale intensità da far apparire ridicolo il pantano casuale in cui abitualmente il Veicolo Mentale viene abbandonato a sè stesso. Se un Viaggiatore non si muove in questa direzione, non si muove in direzione della Creazione Deliberata del suo mondo interiore. Invece di essere un creatore, viene creato. Da chi, e per quale Intento, lo scoprirà spesso dolorosamente nel corso della sua propria esistenza.

Ma a Shama, il controllo del Pensiero, occorre affiancare un’altra Linea di Lavoro, molto vicina negli effetti e nelle applicazioni pratiche nella Vita quotidiana. Invero, anche se essa scaturisce naturalmente nutrendo la Disciplina di Shama nella propria mente, questa Linea di Lavoro è fondamentale laddove, come sempre, l’Apprendista pone il suo Intento nella sua alimentazione e maturazione. Questa altra Linea di Lavoro, che poi diviene titolo fondamentale del suo futuro diventare un Chela, un essere umano sulla Via, è Dha(r)ma: il controllo dell’Azione.

…continua a leggere…

 

Distaccare la mente dall’emozione

A proposito del quieto e continuo Lavoro in bonaccia che un Viaggiatore alimenta costantemente in sè stesso, unica garanzia ed unica fonte dei suoi risultati misurabili, esiste una Disciplina fondamentale che è molto difficile spiegare con parole, dati gli elementi coinvolti.

La difficoltà della spiegazione in parole è dovuta al fatto che i veicoli coinvolti nell’operazione hanno già compiuto il loro lavoro meccanico prima ancora che la parola, frutto di un processo neo-corticale razionale, possa raggiungere ed investigare il loro operato. Questo è uno dei motivi per i quali un Viaggiatore si addestra ad agire invece di parlare: dopo aver conosciuto cosa fare, l’Azione conduce alla percezione e crea particelle di Essere; viceversa, parlare a sè stessi di qualcosa che non si fa conduce ad una descrizione immaginaria, illusoria e inutile al nostro sviluppo personale.

…continua a leggere…