MICAT·IN·VERTICE
il web journal del Centro MareNectaris
La Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri
Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.

L’essere umano come Campo di Energia

Più volte, nei miei libri [di Giulio Achilli] ed anche nei documenti di questo web-journal, l’essere umano viene avvicinato alla definizione di Campo di Consapevolezza ed Energia. Ovvero, un essere umano è in Realtà un Campo coeso di Consapevolezza ed Energia. Ma che cosa intendiamo con queste parole, con questa definizione? Essa è il segnale stradale verso che cosa?

Tutti gli esseri umani incominciano il proprio Viaggio di auto-scoperta dallo stesso punto: si percepiscono un corpo fisico all’interno del quale succede qualcosa. La propria definizione di sè stessi è confinata a questa Percezione, che di fatto non è neanche una Percezione, ma una abitudine di pensiero meccanico. L’identificazione di sè stessi, della totalità di sè, con il proprio corpo fisico è così radicata e così forte da essere in genere l’ultima ad essere messa in discussione. Questo è naturale: perchè il corpo fisico, ovvero Materia, è il mezzo di Percezione diretto e finale del dolore, del piacere, delle sensazioni più basilari e terrestri della Vita.

Ma se la totalità di me stesso, se la parte più importante e fondamentale di me è assoggettabile al mio corpo fisico, ne deriverebbe che tra me e una pietra non c’è alcuna differenza. Anche se in una forma molto più complessa, anche se in organizzazione molto più intelligente, tra gli elementi fisici che costituiscono le pietre e gli elementi fisici che costituiscono il mio corpo fisico non vi è alcuna differenza. Siamo uguali, siamo la stessa cosa: ossigeno, carbonio, idrogeno, azoto, calcio, fosforo, eccetera.

E invece tra me e una pietra vi è una enorme differenza: ed essa è proprio determinata da quello che non si percepisce con i sensi fisici, ovvero dall’attività di altri elementi, di altre strutture, dentro e intorno al mio corpo fisico. La Scienza Iniziatica ci insegna che oltre al corpo fisico vi sono tutta una serie di strutture energetiche altamente attive ed altamente coese correlate ad esso, in azione vibrante e continua in ogni momento, la cui attività complessiva, totale, è assimilabile al concetto di Campo di Energia. Un essere umano è un Campo di Energia, di cui una parte, una parte, si manifesta come corpo fisico.

…continua a leggere…

Nella Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.
Virtù Superiori
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

36 Discipline per la costruzione di un'Anima
Virtù Superiori è un libro in cui 36 Discipline di Potere, 36 attitudini interiori, si uniscono in forza coesiva per accordarsi ad uno scopo supremo, alla più grande e più straordinaria delle nostre possibilità: ritornare in Coscienza all'Essenza Interiore Reale che noi siamo veramente nelle nostre meravigliose profondità interiori. Ritornare in Coscienza al Sè Divino che noi siamo in Verità.
Concentrazione
di Ernest Wood
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Un percorso verso la Meditazione - corso pratico con supplemento sulla Meditazione
La nostra mente è un meraviglioso veicolo di creazione, esplorazione e comprensione della Realtà.
Questo libro di Ernest Wood introduce ed approfondisce alcuni assiomi fondamentali necessari al pieno sviluppo di questo strumento, in un percorso costituito da contenuti teorici, esercizi pratici, ed una progressiva coltivazione degli stati interiori cardinali di questa riconquista: la Concentrazione, la Meditazione e la Contemplazione.
Crescita Personale
di Giulio Achilli

Vai alla pagina ufficiale dell'opera

Lo sviluppo cosciente e deliberato di un Ponte interiore verso stati di Coscienza superiori
Il termine Crescita Personale ha in questo contesto un significato ben preciso: lo sviluppo cosciente e deliberato di un Ponte interiore verso stati di Coscienza superiori. Questo processo coincide con ciò che tutte le tradizioni esoteriche radicate nella Verità chiamano creazione e sviluppo di un'Anima: la creazione e lo sviluppo di una sottile Quintessenza interiore che possa mantenere la Coscienza di Sè alla dissoluzione del corpo fisico, e si ponga in cosciente e deliberato accordo con la sua propria evoluzione.
La Legge di Risonanza
Vai alla pagina ufficiale dell'opera

IO·SONO·ORIGINE - il sito ufficiale del film-documentario
Nell'insieme delle Leggi Fondamentali, ne esiste una che definisce con magnifica semplicità i modelli con cui la Realtà viene creata e manifestata. Questa Legge è una Emanazione di profonda Giustizia, ed è il maggior fattore determinante di ciò che accade, e accadrà, nella nostra Vita nella sua più completa totalità. Questa Legge è conosciuta dalle Tradizioni Esoteriche con il nome di Legge di Risonanza.

La Risonanza in pratica – Accettazione

Il film-documentario La Legge di Risonanzaclicca qui per accedere al sito ufficiale – introduce gli assiomi fondamentali di questa Legge Universale. Questi assiomi, ovviamente, devono essere messi alla prova e verificati nel tessuto della propria esistenza, nella Vita quotidiana, perchè altrimenti possono essere consolatori, possono innescare sentimenti migliori, ma non sono trasformativi, ovvero non modificano di un epsilon ciò che noi siamo, e ciò che conseguentemente facciamo.

Noi non siamo interessati alla conoscenza fine a sè stessa. Noi siamo interessati alla trasformazione materiale di noi stessi in qualcosa di splendidamente superiore. Se non abbiamo questo interesse attivo, prenderemo questi assiomi come conoscenza più o meno mentale, che poi abbandoneremo quando andremo a vivere le nostre situazioni quotidiane come le stiamo vivendo – sempre allo stesso modo – da decenni a questa parte.

Quindi occorre comprendere con maggiore profondità come utilizzare la Legge di Risonanza in pratica, ovvero nello specifico del nostro quotidiano, e delle nostre Aspirazioni di Vita. Il campo di applicazione di questa Legge è tanto vasto quanto la Vita stessa; ma esistono alcuni aspetti che dobbiamo integrare il più rapidamente possibile nella nostra comprensione. Perchè altrimenti ci sembrerà che sia tutto falso, quando invece ad essere falsa è la nostra comprensione del fenomeno. Un pò come credere che la gravità non esiste perchè gli uccelli non ne sono consapevoli.

…continua a leggere…

 

Lo Specchio oscurato

Questa storia che vi racconto in questo documento ha l’Intento di mostrarvi cosa significa per un Viaggiatore lavorare con l’Assioma Angolare

LA·VITA·È·IL·MIO·SPECCHIO

per arrivare a conoscere e ad intervenire armoniosamente su parti disfunzionali della propria psicologia. Disfunzionali, ovvero non funzionali allo scopo della Crescita Personale, che è l’Intento alla base di tutto ciò che è condiviso attraverso l’opera di MareNectaris.

Una delle cose più importanti che questa storia ci mostra è il fatto che sovrapporre nuovi comportamenti senza indagare ed intervenire sulla causa di quelli acquisiti è come mettere un tappeto a coprire un pavimento sporco invece di pulire il pavimento. Alla fine, invece di arrivare alla pulizia, alla Bellezza, al vero cambiamento, anche il tappeto finisce per sporcarsi insieme al pavimento. Vediamo come tutto questo è accaduto nell’esperienza che sto per raccontarvi.

…continua a leggere…

 

Cambiare il paradigma depotenziante

Tutti gli esseri umani naturali hanno uno specifico paradigma interiore innestato nella loro Personalità. Tutti. Un paradigma innestato così bene in loro, da funzionare in modo impercettibile alla loro Coscienza.

La Vita di Lavoro che accompagna un Viaggiatore riporta alla Coscienza, in modo lento ed inesorabile, tutto quello che è stato accettato ed archiviato come vero all’interno del proprio subconscio. In questo modo, un passo alla volta, un essere umano smette di essere una risposta reattiva e diventa un agente causale; perchè non sempre i paradigmi che abbiamo accettato – e messo via come presunta Verità del mondo – sono funzionali al nostro massimo rendimento, e allo sviluppo più alto del nostro meraviglioso potenziale.

Che cosa è un paradigma? Un paradigma è un modello, estratto da un sistema di riferimento, a cui si ricorre per dare conferma e significato ad altri sistemi di riferimento. In parole più semplici, all’interno della nostra psicologia, un paradigma è una convinzione che viene utilizzata per certificare la validità di diverse specifiche Realtà. Esempio: chi non la pensa come me sta sbagliando – questa è una convinzione; essa diventa un paradigma quando viene proiettata ovunque: nelle relazioni, nelle attività lavorative, nel rapporto che abbiamo con noi stessi, nella relazione che abbiamo con l’Infinito.

Ovvero, usiamo questo paradigma come strumento di interazione con la Realtà. Nel caso specifico – chi non la pensa come me sta sbagliando – un paradigma falso, medioevale e cronicamente disfunzionale. Nella nostra psicologia, siamo pieni zeppi di questi paradigmi depotenzianti; fra di essi, ne esiste uno specifico che è tra i relitti più terrificanti che come organismo Umanità ci tiriamo dietro da secoli. E che è conseguentemente condiviso da tutti gli esseri umani naturali. Esaminiamolo insieme.

…continua a leggere…

 

I quattro attributi della Semina

La Legge di Risonanza integra in sè stessa molteplici declinazioni, nel suo governare con Giustizia implacabile l’Evoluzione degli organismi viventi.

Una di queste declinazioni è la Legge di Semina e Raccolta, ben conosciuta da chiunque nelle sue linee generali. La Legge di Semina e Raccolta è un altro modo di considerare l’operato della Legge di Risonanza; è osservare questa Legge da una diversa prospettiva, dalla prospettiva della Materia fisica, che possiede le sue cristallizzazioni pregresse, e non è così malleabile e duttile come altri tipi di Materia, più sottili, che rispondono molto più prontamente a quella Forza misteriosa che muove e governa le Emanazioni di questo Universo.

Come abbiamo visto nel documentario sulla Legge di Risonanza, e come stiamo esaminando nei documenti in cui ci stiamo occupando del mistero del Tempo, la Materia fisica risponde alla creazione di Emanazioni in modo molto lento. Per riconfigurarsi in una forma differente, per sciogliersi al fine di coagularsi in una forma che prima non c’era, occorre che essa attraversi un processo che non si può eludere, e che invece noi esseri umani saremmo lietissimi di cancellare. Per ottenere un raccolto, occorre generare la semina: non si può raccogliere qualcosa dal nulla. Eppure, anche tra Viaggiatori che vengono da un lungo Cammino già percorso, si incontrano situazioni in cui questa regola non viene per niente considerata.

La Legge di Semina e Raccolta è tale perchè possiede un ordine operativo intrinseco. Prima viene la Semina. Prima viene la generazione ed il mantenimento di fattori causali per un tempo sufficiente a decristallizzare precedenti configurazioni di Materia; poi, da questo scioglimento, mantenendo la direzione decisa inizialmente, si comincia a generare una nuova coagulazione, una nuova cristallizzazione, basata questa volta sì sulla semina pregressa.

…continua a leggere…

 

La Spiritualità non è ovatta

L’evento scatenante che accompagna un essere umano naturale alla riscoperta della propria Natura Solare negletta e dimenticata è tipicamente, nella stragrande maggioranza dei casi, una sofferenza.

Si viene lasciati da un partner. Si viene lasciati da un profondo affetto. Si subisce un tracollo finanziario o umano senza precedenti. Si subisce una perdita di qualcosa a cui si è profondamente attaccati. Si è costretti a ricominciare in solitudine da qualche parte. Ci si ritrova improvvisamente senza una attività di lavoro e senza certezze. Questi sono i fattori scatenanti che avvicinano un essere umano naturale alla misurazione effettiva dell’impermanenza della materia, e alla ricerca di un senso più alto per il proprio esistere.

Ma in questo avvicinarsi alla profondità che attende tutti noi, e verso cui tutti noi un giorno dovremo muovere, non importa se domani o tra tre secoli, inizialmente e spesso in modo pervasivo si innesta un pensiero, di origine nella Personalità, che è bene vedere e rimuovere il prima possibile dalla propria Attenzione. Perchè si tratta di una falsa convinzione, di una falsa considerazione, che poi la Vita provvede comunque a scardinare, e che può portarci ulteriore sofferenza, se non la si comprende almeno teoricamente prima che questo accada.

…continua a leggere…