MICAT·IN·VERTICE
Crescita Personale - Lavoro Interiore - Formazione Spirituale
il web journal del Centro MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri
Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.

Preghiera per la Terra

Un Video prodotto dal Centro MareNectaris.

Nella Biblioteca di MareNectaris
Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.
36 Discipline per la costruzione di un'Anima
Virtù Superiori è un libro in cui 36 Discipline di Potere, 36 attitudini interiori, si uniscono in forza coesiva per accordarsi ad uno scopo supremo, alla più grande e più straordinaria delle nostre possibilità: ritornare in Coscienza all'Essenza Interiore Reale che noi siamo veramente nelle nostre meravigliose profondità interiori. Ritornare in Coscienza al Sè Divino che noi siamo in Verità.
Un percorso verso la Meditazione - corso pratico con supplemento sulla Meditazione
La nostra mente è un meraviglioso veicolo di creazione, esplorazione e comprensione della Realtà.
Questo libro di Ernest Wood introduce ed approfondisce alcuni assiomi fondamentali necessari al pieno sviluppo di questo strumento, in un percorso costituito da contenuti teorici, esercizi pratici, ed una progressiva coltivazione degli stati interiori cardinali di questa riconquista: la Concentrazione, la Meditazione e la Contemplazione.
Parsec
di Giulio Achilli
Vai alla pagina ufficiale dell'opera
Libro I - Verso il Deserto di Moab
Parsec è un libro di poesie che racconta dell'inizio del viaggio di un essere umano nel Grande Deserto di Moab.
Il viaggio verso la totalità di sè stessi, verso il luogo dove la menzogna si stempera e scompare, verso il luogo che ci appartiene per diritto come esseri umani.
Verso la dimora degli Dei.
La Disciplina del Diario
di Giulio Achilli
Vai alla pagina ufficiale dell'opera
Uno strumento fondamentale nella comprensione di noi stessi e del nostro Sogno Personale
Il nostro Diario, se tenuto nel modo opportuno, diviene un autentico faro di Luce gettato sulla nostra struttura psicologica, e ausilio fondamentale nella comprensione di ciò che siamo diventati e nella costruzione del nostro Grande Sogno Personale. In questo ebook vengono descritte alcune indicazioni su come rendere il nostro Diario un alleato fondamentale della nostra Crescita Personale.

Il cambiamento sei tu

Il cambiamento non è un’utopia di un futuro immaginario. Non è qualcuno che scoperchia un vassoio e ti dice “prendi, questo è per te“. Non è un ritiro dal Mondo dietro una maschera di superiore arroganza. Non è un distacco che altro non è che paura del reciproco condividere. Non è aspettare che qualcuno faccia il lavoro duro, e poi venga a bussarti alla porta con il gentile omaggio di un Fuoco che non potresti nemmeno capire con la mente.

Il cambiamento sei tu.

Il cambiamento sei tu, quando la tua gratitudine è totale. Quando apri gli occhi ogni mattina, e indipendentemente da ciò che vedi, ti alzi in piedi, e pronunci un silenzioso “ Grazie ” per tutti i doni meravigliosi che fino ad ora non hai voluto vedere. Per tutte le creazioni che hai generato e stai generando, che sono belle, sono forti, e sono tue.

Il cambiamento sei tu, quando il tuo perdono è totale e senza riserve. Quando sei molto, ma molto, ma molto benevolente con i tuoi compagni esseri umani, ma molto, molto, molto implacabile con le tue interiori iniquità.

Il cambiamento sei tu, quando la tua Integrità è un mantello di Consapevolezza Implacabile, che non è in vendita per mille euro e non è in vendita per un miliardo di euro. Quando il tuo specchio riflette un essere libero. Non libero da schiavitù esteriori apparenti, ma libero di emanare la Luce dell’Infinito Signore di tutti gli Universi, benedetto sia il Suo Nome in ogni Sua emanazione.

Il cambiamento sei tu, quando di fronte all’odio la tua Spada diffonde Amore silenzioso. Quando sai ciò che devi fare, e lo fai, in nome e per conto dell’Infinito che te lo chiede. Senza intrusioni. Senza applausi. Ritirandoti in pace, alla fine, in quiete e serenità, perchè ciò che dovevi fare è stato fatto, ed è solo questo quello che conta.

Il cambiamento sei tu, quando non arretri di un millimetro di fronte alla voglia di fuggire dalle tue emozioni turbolente. Quando ti sollevi sulla tua Spada, e di fronte a ciò che non sei, di fronte a ciò che vuole addormentarti ancora, pronunci “ Tu, ora, non puoi passare “. Ed in verità è così. Tu non puoi passare. Non fuggirò da una emozione che altro non è che sensazione. Non fuggirò da ciò che sto creando. Non fuggirò, e non arretrerò un millimetro. Perchè tu non puoi passare, e questo è il mio comando.

Il cambiamento sei tu, quando la Luce della Consapevolezza brilla maestosa di fronte ad ogni tuo più piccolo gesto. Cadi cento volte nel sonnambulismo, e ti rialzi ancora una volta, perchè sai che sei caduto, sai che ti sei addormentato ancora, ma riprovi, perchè i tuoi occhi non conoscono la resa. E riprovi ancora, e ancora, fino a quando la trave si spezzerà. Non importa quante volte. Non importa se ce la farai. In verità, ce la stai già facendo.

Perchè vedi, l’Infinito vede nel silenzio, e vede ogni cosa. E nulla, nulla, e poi nulla ancora, nemmeno la più  piccola scintilla di una intenzione benedetta, è nascosto alle sue Emanazioni. E l’Infinito, che vede nel segreto, maestosa preparerà la tua ricompensa. Questa è la Promessa. Questa è la Verità.

Chi deve inondarti di benedizioni? In nome di che cosa sono i tuoi gesti? Che cosa muove le tue azioni?

Scegli. Consapevolmente, altrimenti la scelta si compie comunque, ed è scelta di sonnambulo.
E per favore, scegli saggiamente.

Tira un vento freddo, qui fuori

State a casa, al calduccio, forse è meglio. Infradiciate pure il vostro corpo di birra, grasso e televisione ogni giorno, tutti i giorni. Forse non c’è davvero problema. Forse vi terrete lontani dal maglio dell’orrore, è andrà bene così. Davvero, tutto andrà esattamente come deve andare. Chiudete la finestra che affaccia dentro di voi, e uscite dalla porta, a respirare il vento delle possibilità, a gettarvi nel calore di menzogna delle mille luci della bella Frisco.

Perchè tira un vento freddo, qui fuori.

L’Infinito tende trappole, non incoraggia baldanzosi esseri umani. Non Gli è necessario. Ti mostra una grande e remota possibilità velata, così che tu possa gettarti a capofitto per rincorrerla, solo per capire dopo, molto dopo, che la Grande Trappola è scattata. Costruire è fatica, qui fuori. Millimetro dopo millimetro, partendo da una condizione pressochè zero, come essere sdraiati nel fango ed improvvisamente aprire gli occhi.

E non si torna più indietro. Non si può tornare indietro. Non è permesso, non è possibile, non può essere nemmeno considerata possibilità. Se avete varcato la Prima Soglia, che l’abbiate fatto da svegli oppure no, non si può più tornare al mondo ordinario.

Tira un vento freddo, qui fuori. Quando il Sole dirada le nubi, e pian piano esce alla vista ciò che era velato, non resta che l’accettazione. Non resta che la pazienza. Non resta che costruire tutto di nuovo, da zero, con un Inflessibile Intento. Non si può più usare come uno scudo di protezione il calcio in TV, i rapporti sessuali frenetici o regolari, la frequentazione di esseri umani che vivono beati tra le nebbie, un rapporto di compensazione con un compagno sonnambulo, o una qualsiasi altra droga sonnambolica ordinaria, che sia cocaina o passeggiare. Non c’è più alcuna protezione possibile dagli insegnamenti potenti, sereni e veri del Silenzio Interiore. Del resto, proteggersi diviene via via più futile. Non ha senso. Proteggersi dalla Verità è solo follia, e non impedirà alla Verità di raggiungervi comunque.

Certo, questo non significa che non si possano vedere partite di calcio in TV, frequentare amici, o che il vostro compagno o compagna diventino improvvisamente qualcosa da abbandonare. Questo significa che il Silenzio Interiore vi mostrerà tutto senza alcuna pietà. Vi dirà perchè avete acconsentito a farvi ipnotizzare con il calcio, o perchè avete scelto quel particolare essere umano, e che cosa gli permettete di farvi essere. E’ il Silenzio Interiore che vi dirà che cosa davvero rappresentano per voi i vostri amici, e che cosa permettete ad essi di farvi vivere. Ed è questo che alza il vento freddo. E’ questo che smantella senza pietà qualsiasi bugiarda protezione di ovatta. E’ la comprensione che stermina, quieta furia senza tregua.

Non giocate con l’Infinito. Fate attenzione. Perchè prima di entrare nel luogo che di diritto meritate di essere e di vivere, si passa dal deserto di Moab. Ed è lasciar cadere, abbandonare, purificare, ripulire, accettare. E’ pazienza e fede. E’ Inflessibile Intento e meraviglia.

Non giocate con l’Infinito, perchè superata la Prima Soglia, poi non c’è più ritorno. E prima di capire che questo è una meravigliosa fortuna, potreste passare dei momenti non propriamente di serenità. E’ come quando i vostri cari, chiunque siano, vi punivano a vent’anni, e voi vi sentivate furiosi, delusi, offesi, indegni di tale trattamento. E’ a trenta anni, o quando cominciate sul serio a comprare il sale, che vi rendete conto davvero di che cosa stava accadendo. E’ a trenta anni che piangerete per tutto il bene che avete ricevuto senza aver mai pensato nemmeno per un attimo di ricambiare, anche solo con un grazie.

Tira un vento freddo, qui fuori. Eppure, ogni millimetro che avanzo io ringrazio il Signore Infinito Onnipotente, che sia benedetto il Suo nome in ogni sua Emanazione, per tutta la meraviglia che il viaggio mi sta donando. Per tutto ciò che mi aspetta. Per tutto ciò che ho visto. Per la perfezione meravigliosa di ogni Sua creazione, che così spesso riempie di lacrime i miei occhi.

Io ringrazio il Signore Infinito Onnipotente anche per questo vento freddo. Il suo soffiare non è forse la tenue compagnia che sta rischiarando sempre più il mio orizzonte ?


© MareNectaris nei termini di questa licenza Creative Commons: Licenza Creative Commons
Cookie policy - info AT marenectaris DOT net


 

di Giulio Achilli
Il fare come conseguenza dell'Essere
di Giulio Achilli
Capitolo tratto dal libro Virtù Superiori
Chi sta usando la tua mente? - il sito ufficiale del film-documentario
di Giulio Achilli
Il divino strumento del Ritorno alla Verità del Sè

© MareNectaris
nei termini di questa licenza CC
Cookie policy
info AT marenectaris DOT net