MICAT·IN·VERTICE
il web journal del Centro MareNectaris
La Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri
Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.

La Persistenza

La Persistenza, o meglio sarebbe dire la sua mancanza, è la seconda trappola che attende al varco i Viaggiatori sulla strada che unisce il Sapere a Essere.

La prima trappola – leggi questo documento – è fermarsi al primo gradino: lasciare il Sapere soltanto nella neocorteccia cerebrale. Non collegare a questo Sapere un grammo di Azione Conforme. Un processo di questo tipo equivale di fatto ad una passeggiata mentale, che può essere di sollievo, può aiutare, ma non è trasformativa. Continuiamo ad essere come siamo sempre stati, aggiungendo soltanto scaglie di Sapere che il Tempo cancellerà.

Il secondo gradino della scala, il secondo passo del Cammino, è l’Azione Conforme al Sapere. Su cento che partono, novanta restano al primo gradino, e un gruppo di dieci coraggiosi si arrampica sul secondo. Ma se già prima le condizioni non erano certo facili, ora si entra in territori dove è assolutamente necessaria la presenza di una qualità interiore specifica, senza la quale non è letteralmente possibile proseguire. Ovviamente, nessuno la menziona, se non trasversalmente, perchè approfondire la sua importanza e la sua fondamentale utilità equivale a svuotare l’uditorio. E non sto parlando della Disciplina, che di fatto è la sua sorella.

L’Azione Conforme al Sapere insegnato dalla Scienza Iniziatica presuppone e incoraggia la coltivazione e la maturazione della qualità interiore della Persistenza.

…continua a leggere…

Nella Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.
Virtù Superiori
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

36 Discipline per la costruzione di un'Anima
Virtù Superiori è un libro in cui 36 Discipline di Potere, 36 attitudini interiori, si uniscono in forza coesiva per accordarsi ad uno scopo supremo, alla più grande e più straordinaria delle nostre possibilità: ritornare in Coscienza all'Essenza Interiore Reale che noi siamo veramente nelle nostre meravigliose profondità interiori. Ritornare in Coscienza al Sè Divino che noi siamo in Verità.
Concentrazione
di Ernest Wood
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Un percorso verso la Meditazione - corso pratico con supplemento sulla Meditazione
La nostra mente è un meraviglioso veicolo di creazione, esplorazione e comprensione della Realtà.
Questo libro di Ernest Wood introduce ed approfondisce alcuni assiomi fondamentali necessari al pieno sviluppo di questo strumento, in un percorso costituito da contenuti teorici, esercizi pratici, ed una progressiva coltivazione degli stati interiori cardinali di questa riconquista: la Concentrazione, la Meditazione e la Contemplazione.
Struttura, Scopo e Senso della Comunità
di Giulio Achilli

Vai alla pagina ufficiale dell'opera

Armonizzare la nostra esistenza intorno a queste tre aree fondamentali
Un essere umano che desidera organizzare armoniosamente la propria esistenza, e creare deliberatamente una realtà che lo renda felice, deve prestare attenzione a tre aree ben precise della sua Vita,e costruire entità energeticamente funzionali che si relazionino costruttivamente ed armoniosamente con esse. Queste tre aree sono Struttura, Scopo e Senso della Comunità.
Il Grande Sogno Personale
di Giulio Achilli

Vai alla pagina ufficiale dell'opera

Capitolo tratto dal libro Virtù Superiori
C'è qualcosa di preciso, di intimo, di unico, che sono chiamato a compiere su questa Terra meravigliosa; qualcosa che è legato solamente al mio Spirito, che appartiene a me ed a me solo. Il mio compito, il mio sacro dovere, è scoprire questo qualcosa di unico e tirarlo fuori dalle profondità in cui riposa; e poi esprimerlo a piena potenza, affinchè la messe ritorni a beneficio, utilità e servizio della Vita tutta. Questo è il mio Grande Sogno Personale.

Le 2 trappole tra Sapere ed Essere – Parte III

Che cosa significa Essere? Che cosa separa il Sapere un qualcosa, dall’Essere quel qualcosa? Che cosa significa sapere che la Responsabilità della mia Vita è Totale, ed essere totalmente responsabile della mia Vita? Ci siamo mai chiesti quale sia la differenza, o se ne esista una?

La differenza esiste, e come; ma per comprenderla, mi devono essere chiari alcuni processi che accadono nei miei Veicoli Inferiori, ovvero nel corpo fisico, nella mente e nelle emozioni. Perchè quello che accade ordinariamente è esattamente questo: noi confondiamo sapere qualcosa con essere quel qualcosa. In materia di Crescita Personale e Formazione Spirituale, questa confusione è letale, per cui prima viene chiarita e dissipata, meglio è.

La Scienza Iniziatica avvicina un Aspirante attraverso il Sapere. Utilizzando l’esempio della Responsabilità – uno dei tanti esempi possibili – che ci accompagnerà in questo documento, la Scienza Iniziatica avvicina un Aspirante e gli comunica, attraverso varie forme, che deve assumersi la Responsabilità Totale della sua Vita – totale, il 100% – perchè se non lo fa, non può resistere sul Cammino della Realizzazione del Sè. L’Aspirante accetta questa conoscenza, questo Sapere; ne riconosce il senso e l’utilità nella sua Vita quotidiana; ma poi, accade qualcosa nella sua interiorità, e questo Sapere diventa lettera morta. Scendiamo un poco più in profondità in questo processo, per comprendere perchè tutto questo accade.

…continua a leggere…

 

Lo Sfidante – il libro cartaceo in nuova edizione

Lo Sfidante - un libro di Giulio Achilli

Una nuova edizione del libro Lo Sfidante, in formato cartaceo, è uscita ed è disponibile nello store del Giardino dei Libri, cliccando qui. Sono molto felice di condividere con voi questa nuova produzione.

Il libro, nella sua prima edizione cartacea, contiene una serie di novità, oltre al transcript completo del testo originale:

aggiunte ed integrazioni al testo originale, che ampliano ed approfondiscono il testo in diversi punti.

una serie di Esercizi di Lavoro Interiore, uno per ogni capitolo del testo, che permettono di lavorare in modo specifico e progressivo sull’argomento: per trasformare, nel modo più armonioso possibile, il Sapere in Saggezza.

un capitolo finale di domande e risposte, con alcuni tra i quesiti che nel corso del tempo ho ricevuto in relazione agli argomenti trattati, con le relative risposte; un aggiunta importante, perchè permette di misurare alcune delle difficoltà e dei passaggi attraversati dalle persone nel processo pratico di implementazione delle indicazioni del testo nella Vita quotidiana. Molte di queste domande ci permettono di comprendere quanto alla fine siamo simili e attraversiamo le stesse difficoltà, nell’interagire con l’insieme di Forze a cui abbiamo dato il nome di Sfidante.

Il libro Lo Sfidante, nella sua nuova edizione cartacea, è disponibile nello store del Giardino dei Libri, cliccando sul pulsante qui sotto riportato.

Acquista il libro Lo Sfidante di Giulio Achilli sul Giardino dei Libri

Clicca qui per accedere al sito ufficiale del film-documentario, vedere liberamente il video, e navigare nei contenuti a libera disposizione.

Buona lettura!

 

Trasmutare un Comando Interiore disfunzionale

Per poter progredire ulteriormente verso una maggiore libertà di arbitrio è sufficiente fare luce ancora e continuare ad osservare questi oscuri meccanismi ? Basta essere presenti nella vita di ogni giorno per sfaldare questi schemi provenienti dal passato e dall’interazione coi propri genitori ?

dalla condivisione di un Viaggiatore

Questa domanda rappresenta una giusta ed ideale continuazione al percorso interiore che stiamo approfondendo in questi ultimi documenti. Il nostro Focus è infatti sulla riemersione dei Comandi Interiori che gestiscono la nostra Vita mentre noi crediamo di essere liberi di viverla come vogliamo; dunque la questione che pone il nostro amico Viaggiatore è di primaria importanza.

Come la Tradizione ci insegna in molteplici forme e attraverso molteplici simbolismi, il primo passo del Cammino è sempre il Sapere. Nel caso particolare che stiamo esaminando, Sapere per noi significa divenire coscienti di questi meccanismi, che traggono la maggior parte del loro Potere dal fatto di essere incoscienti, ovvero non percepibili da una Coscienza ordinaria non addestrata. Come riportare alla Coscienza questi meccanismi è manovra che abbiamo approfondito in alcuni aspetti nel documento Lo Specchio Oscurato; in breve, dato che non possiamo percepirli direttamente, arriviamo progressivamente a percepirli attraverso gli effetti che producono nella nostra Vita.

Questo è il primo passo. Importantissimo, ma soltanto una parte dell’equazione del cambiamento. Sapere, infatti, mi permette di poter osservare il fenomeno in esame e divenirne sempre più stuf@, ma per poter progredire ulteriormente verso una maggiore libertà di arbitrio, per usare le parole del nostro Compagno di Viaggio, occorre inserire una serie di elementi nuovi nello scenario, in modo armonioso ed efficace. Altrimenti, si rimane intrappolati nell’inerzia della stessa corsa del sorcio, con un grado di disagio interiore persino superiore, dato che ho ricondotto qualcosa alla mia Coscienza che prima non vi era affatto.

…continua a leggere…

 

Volontà, Selezione, Concentrazione – parte IV

Eccoci all’ultima parte dell’approfondimento dell’Esercizio di Lavoro Interiore sul Veicolo Mentale che stiamo esaminando insieme, estratto ed esaminato in profondità dal libro Concentrazione, di Ernest Wood. Come sempre, facciamo un breve sunto dei passi precedenti, con il collegamento ai documenti di approfondimento di ciascun passo.

Osservazione, il PASSO·1: mettere sotto Osservazione la mente, che da sè stessa, per questa Osservazione, si quieta. Per approfondire leggi qui.

Potere di Selezione, il PASSO·2: mentre siamo in Osservazione della mente, esercitiamo la facoltà di selezionare deliberatamente, all’interno del flusso dei pensieri, un pensiero preciso, quello scelto da noi. Per approfondire leggi qui.

Intento, il PASSO•3: continuando a selezionare deliberatamente ogni singolo pensiero che vogliamo permanga alla nostra Attenzione, divenire sempre più coscienti che ogni nostra selezione origina da Intento. Per approfondire leggi qui.

Il PASSO•4 di questo esercizio è la naturale conseguenza, il naturale fiorire di questo Esercizio di Lavoro, che sebbene sembri apparentemente semplice, semplice a tal punto da essere archiviato dalla Mente di Superficie come inutile – perchè lei sì, lei sì che già sa – è un Esercizio potentissimo. Che ha uno dei suoi scopi, per chi avrà la Forza di coltivarlo, nel raccogliere le Ispirazioni e le Intuizioni dei Mondi Superiori in relazione ad un tema preciso scelto da noi.

…continua a leggere…

 

Volontà, Selezione, Concentrazione – parte III

Osservazione, il PASSO·1: la mente quieta il suo guazzabuglio inutile volteggiante intorno al nulla, quando è posta sotto Osservazione. Ovvero, la mente si quieta quando nello scenario irrompe qualcosa di diverso, qualcosa che prima non era stato invocato a comparire, che osserva il fluire ordinario dei pensieri ed esercita null’altro che questa facoltà di Osservazione, senza «fare» altro. I dettagli del PASSO·1 sono in questo documento.

Potere di Selezione, il PASSO·2: invece di restare narcotizzati in un fluire di pensieri senza controllo, dopo aver posto sotto Osservazione il funzionamento della mente esercitiamo la facoltà di selezionare deliberatamente, all’interno del flusso dei pensieri, un pensiero preciso, quello scelto da noi. Non ha importanza quale scegliamo, ha importanza esercitare la facoltà di selezione, ovvero prendere un pensiero e lasciarne andare un’altro. Questa pratica ci porta armoniosamente alla comprensione che io non sono una vittima sacrificale di cataclismi mentali incontrollati ed auto-generati per abitudine. IO ho il Potere di Selezione su ciò che si muove nel mio Veicolo Mentale. Ma questo Potere deve essere esercitato, altrimenti non è attivo. I dettagli del PASSO·2 sono in questo documento.

Ora è il momento di esaminare ed approfondire il PASSO·3 di questo Esercizio di Lavoro Interiore sul Veicolo Mentale.

…continua a leggere…