MICAT·IN·VERTICE
il web journal del Centro MareNectaris
La Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri
Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.

Sto servendo al mio meglio? Domanda III

Questa è un’epoca in cui il senso del Servizio – che deriva da una Legge Fondamentale scarsamente nota al teatrino umano, ovvero la Legge del Servizio – ha subito una notevole flessione di considerazione.

Per questo, è necessario che questa Questione Finale venga posta con urgenza all’Attenzione della nostra Coscienza. Perchè la stragrande maggioranza del mondo umano intorno a noi ci rispecchia con scabra durezza la scarsità di considerazione che viene data a questo assioma fondamentale.

Sto servendo al mio meglio? Questa Questione Finale potrebbe essere anche messa in questo modo: sto emanando a piena potenza la vastità dei miei Talenti, in modo che ritorni a beneficio, utilità e servizio della Vita tutta? Ognuno di noi ha la sua intima risposta in sè stesso, e le sue brave motivazioni. Ma ognuno di noi dovrebbe fronteggiare il prima possibile la vastità della risposta a questa Questione Finale, se intende vivere davvero quella Vita Memorabile e piena di senso che Anima desidera vivere in questo passaggio qui su questa Terra meravigliosa.

…continua a leggere…

Nella Biblioteca di MareNectaris
Lo Sfidante
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Chi sta usando la tua mente? - nuova edizione cartacea
Il testo completo del film-documentario in una nuova edizione cartacea aggiornata ed ampliata; con nuove aggiunte ed integrazioni al testo originale; una serie di Esercizi di Lavoro Interiore per trasformare il Sapere in Saggezza; una parte finale dedicata alle domande e risposte, con alcuni tra i quesiti più interessanti proposti dai Viaggiatori nel corso del tempo.
Virtù Superiori
di Giulio Achilli
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

36 Discipline per la costruzione di un'Anima
Virtù Superiori è un libro in cui 36 Discipline di Potere, 36 attitudini interiori, si uniscono in forza coesiva per accordarsi ad uno scopo supremo, alla più grande e più straordinaria delle nostre possibilità: ritornare in Coscienza all'Essenza Interiore Reale che noi siamo veramente nelle nostre meravigliose profondità interiori. Ritornare in Coscienza al Sè Divino che noi siamo in Verità.
Concentrazione
di Ernest Wood
Acquista su
MacroLibrarsi
Acquista su
Il Giardino dei Libri

Un percorso verso la Meditazione - corso pratico con supplemento sulla Meditazione
La nostra mente è un meraviglioso veicolo di creazione, esplorazione e comprensione della Realtà.
Questo libro di Ernest Wood introduce ed approfondisce alcuni assiomi fondamentali necessari al pieno sviluppo di questo strumento, in un percorso costituito da contenuti teorici, esercizi pratici, ed una progressiva coltivazione degli stati interiori cardinali di questa riconquista: la Concentrazione, la Meditazione e la Contemplazione.
Parsec
di Giulio Achilli

Vai alla pagina ufficiale dell'opera

Libro I - Verso il Deserto di Moab
Parsec è un libro di poesie che racconta dell'inizio del viaggio di un essere umano nel Grande Deserto di Moab.
Il viaggio verso la totalità di sè stessi, verso il luogo dove la menzogna si stempera e scompare, verso il luogo che ci appartiene per diritto come esseri umani.
Verso la dimora degli Dei.
As a man thinketh
di James Allen

Vai alla pagina ufficiale dell'opera

La traduzione in italiano dell'opera più famosa dell'autore
As a man thinketh è un libro scritto da James Allen nel 1902. "Come un uomo pensa nel suo cuore, così egli è": attraverso queste parole, l'autore ci conduce in un viaggio di scoperta nel quale diverremo consapevoli che il potere del nostro pensiero è in grado di manifestare la realtà che desideriamo.

Sto amando pienamente? Domanda II

Amore è una delle Forze Fondamentali dell’Universo.

La Questione Finale che questa domanda incarna, quindi, ha una necessità quasi imprescindibile di essere posta al tempo presente. Porre a noi stessi questa domanda al tempo passato – ovvero ho [davvero|mai] amato pienamente? – rappresenta nella stragrande maggioranza dei casi un essere annegati in un abisso nero scavato con le proprie stesse mani. Ecco perchè dobbiamo rispondere qui, ora, in questo tempo, in questa situazione. Perchè il Tempo per cambiare sia ancora nostro amico ed alleato.

Amore è una Forza maestosa, dalle molteplici sfaccettature; per poter rispondere a questa domanda in modo coerente e profondo, occorre esaminare questi molteplici riflessi alla Luce che la Scienza Iniziatica proietta su di essi. Uno tra essi è iniziare a distinguere il bioritmico svuotamento dei lombi con Amore, perchè le due cose sono totalmente distinte e separate, anche se sei miliardi circa di individui umani su questa Terra meravigliosa pensano il contrario.

Noi siamo immersi in relazione con ogni cosa. Oggetti, piante, animali, esseri umani, gerarchie non percepite dai sensi fisici. Noi siamo immersi in questa relazione, che noi lo si sappia o meno, che noi lo si voglia o meno, che noi lo si fugga o meno. Il modo in cui viviamo nella nostra Anima questa relazione è esattamente il modo in cui siamo capaci di vivere e sperimentare la Forza dell’Amore; tanto più pienamente siamo capaci di vivere Amore, tanto più Anima si arricchisce e si libera, tanto più bella e maestosa diventa la nostra Vita.

…continua a leggere…

 

Sto vivendo in modo saggio? Domanda I

Nella Vita degli esseri umani, ci sono delle domande che restano sempre presenti, come in sospensione. Domande, questioni, che restano ai bordi della Vita che sfreccia, delle cose che accadono; mai approfondite, mai esplorate, eppure mai cancellabili, come le ombre proiettate dal Sole.

Queste domande sono le Questioni Finali. Quello che è davvero importante alle spalle del teatro a cui diamo Vita ed Energia ogni giorno. Quando un essere umano comincia a smettere di fuggire dalle Questioni Finali, ed invece si volge a guardarle diritte in faccia, quello è il momento in cui la Vita comincia ad acquisire per lui il senso intenso e profondo con cui merita di essere considerata. Perchè le Questioni Finali chiedono una risposta, e la chiedono con silenziosa e persistente sollecitudine.

Sto vivendo in modo saggio? Questa è la prima delle Questioni Finali che approfondiremo un poco in questo documento. E’ importante porre a noi stessi questa domanda, come tutte le Questioni Finali, al tempo presente, quando ancora abbiamo il Tempo per rispondere: perchè la nostra ricerca di una risposta deve anche concederci i margini del cambiamento. Altrimenti, invece che una domanda [ sto vivendo in modo saggio? ], diventa un fatto non più modificabile [ ho vissuto come un … ] : una cristallizzazione che può produrre conseguenze non proprio piacevoli.

…continua a leggere…

 

La consolazione degli afflitti

Beati gli afflitti, perchè saranno consolati

Gesù, il Cristo – Matteo 5:4

Il Discorso della Montagna rappresenta uno dei vertici della Scienza Iniziatica nella sua declinazione gnostica, e cristiana delle origini. Esistono differenti chiavi di lettura di questo testo iniziatico, molte delle quali sono inaccessibili all’ordinario pellegrinaggio domenicale.

Leggere il Discorso è una Preghiera, di altissima frequenza vibrazionale. Non è possibile, nè opportuno, approfondire qui questa indicazione, anche perchè l’esperienza vale più di mille parole. Leggere il Discorso della Montagna, ad alta voce, è una Preghiera di altissima frequenza vibrazionale, e solo un sasso può uscire indenne da questo torrente di Energia che si riversa su di lui.

Ma certamente, il sasso è tale perchè lui lo vuole. Nessuno fa niente a nessun altro.

Nella sua piccola parte che qui approfondiamo, il Discorso della Montagna ci ricorda un aspetto fondamentale della nostra natura umana. Un aspetto che ha in sè la sua parte Terrestre, naturale, orizzontale, e la sua parte Solare, deliberata, verticale. Un aspetto che ha molta attinenza con ciò che sta accadendo in questo momento nella Terra della nostra casa, che ora esaminiamo insieme con un pizzico in più di profondità.

…continua a leggere…

 

Il figlio del falegname

Recatosi nella sua patria, insegnava nella loro sinagoga, così che stupivano e dicevano:
Da dove gli vengono tanta sapienza e queste opere potenti? Non è questi il figlio del falegname? Sua madre non si chiama Maria e i suoi fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda? E le sue sorelle non sono tutte tra di noi? Da dove gli vengono tutte queste cose?
E si scandalizzavano a causa di lui.
Ma Gesù disse loro: Un profeta non è disprezzato che nella sua patria e in casa sua.
E lì, a causa della loro incredulità, non fece molte opere potenti.

Matteo, 13, 54-58

A un certo momento, in una famiglia, nasce un essere umano differente.

Uomo o donna che sia – lasciamo quindi andare la declinazione – questo essere umano è differente. Si interessa di cose diverse. Crea cose diverse. Mentre gli altri corrono ad insultarsi nel rumore, egli resta da solo. Mentre gli altri deturpano sè stessi, egli legge libri differenti. Si trova in mezzo ai suoi compagni, e spesso si chiede chi essi siano, e come faccia a stare ancora lì, ad ascoltarli pronunciare parole aspre nei confronti della Vita e di sè stessi. Un profondo senso di strana alienazione spesso lo pervade.

Questo essere umano tenta di condividere la Verità vivente nel suo Cuore, perchè la Verità è vivente. Ma trova incomprensione, dubbio, se va bene. Più spesso trova invece astio, derisione, offese, che possono sfociare nell’allontanamento, nell’emarginazione del diverso. La sua famiglia è il suo terreno di distruzione, nella stragrande maggioranza dei casi; non rientrando nei canoni di una Vita ordinaria, fatta di un nulla che corre verso l’Abisso senza alcuna volontà di reggersi neanche ad un appiglio che fosse uno, le sue parole, i suoi atti, sono gesta incomprensibili.

…continua a leggere…

 

Abbracciarsi

Virginia Satir è stata una psicoterapeuta americana vissuta nel secolo scorso. Il suo campo di studio e ricerca principale fu quello delle terapie familiari, e delle soluzioni alle situazioni di disagio e di sofferenza in cui i bambini si trovano spesso a vivere all’interno dello scenario familiare.

Questo campo di studio, l’esperienza che ne derivò, ed una capacità intuitiva di base che era suo patrimonio e ne alimentava e indirizzava il lavoro, la condussero presto a diventare un punto di riferimento nell’ambito della psicoterapia familiare nell’intera nazione americana; molte delle sue intuizioni di cura e di sollievo poi applicate su situazioni familiari compromesse risalgono già agli anni ’50 del secolo scorso.

Virginia Satir era una intuitiva. Era una donna, un precursore, quindi aveva una facilità di utilizzo del Sentire che aveva meno bisogno di essere sgrezzata, e meno bisogno di essere «approvata» dalla mente per poter arrivare alla Coscienza. Per esempio, essa arrivò presto a comprendere un elemento molto interessante nella dinamica descrittiva dei problemi che le venivano presentati nel corso delle sue terapie: comprese che il problema presentato dai suoi pazienti, che lei chiamava il problema di superficie, raramente era quello vero; il problema vero veniva creato invece da come i suoi pazienti rispondevano alla situazione oggettiva che stava succedendo. Non sono le cose, ma la risposta alle cose: un paradigma di Crescita Personale che ha l’età dell’essere umano, ma che dobbiamo sempre, sempre ricordare.

…continua a leggere…